Samstag, 11. Juli 2020
Willkommen, Guest
Mobil mitnehmen
verfügbar für
iPhone, Android, Windows Phone
und Windows 8 / Windows 10 .
DE
|
IT
|
EN
Menü

  News

  Veranstaltungen

  Presse

  Kiosk

  Vorlesungen

Universität
 
Le piante in classe! Il progetto per una ripartenza “naturale” delle scuole
Le piante in classe! Il progetto per una ripartenza “naturale” delle scuole
Free University of Bozen - Bolzano
 
Rientro a scuola: una proposta alternativa per garantire il distanziamento e un ambiente più accogliente nelle aule arriva dalla Facoltà di Scienze della Formazione.
A settembre, la scuola sarà chiamata a una nuova prova che metterà sotto grande pressione tutto il sistema della formazione e dell’educazione altoatesina e italiana: il rientro in classe dopo lo stop imposto dalla pandemia. Come saranno le classi che insegnanti e alunni troveranno dopo questi mesi di allontanamento? Basteranno le aule tradizionali per rendere sicure ed efficaci le lezioni in tempo di post-covid?

In questi giorni, la prof.ssa Beate Weyland della Facoltà di Scienze della Formazione di Bressanone sta sperimentando una soluzione alternativa basata sull’utilizzo delle piante ornamentali in classe. Per svolgere la simulazione già diverse scuole hanno offerto la disponibilità. La prima avverrà presso la scuola primaria Pestalozzi di Bolzano, diretta da Heidi Niederkofler. 

Weyland, associata di Didattica nel campus di Bressanone, coordina PAD-LAB, un gruppo di ricerca interdisciplinare – tra pedagogia, architettura e design – impegnato nel processo di ripensamento degli spazi scolastici. Dal 2015 i ricercatori del gruppo hanno accompagnato più di 30 comunità scolastiche e amministrazioni comunali nella redazione di linee-guida pedagogiche e architettoniche per adattare spazi e didattiche alle nuove esigenze culturali e formative delle giovani generazioni. Nei mesi scorsi, a partire dal lockdown, le 10 comunità scolastiche che attualmente sono in convenzione di ricerca con la Libera Università di Bolzano sulla trasformazione di spazi e didattiche, si sono strette intorno al gruppo di ricerca per immaginare possibilità diverse di organizzazione degli spazi scolastici per il rientro a scuola.

La proposta sulla quale stanno lavorando le scuole seguite dal gruppo di ricerca PAD-LAB riguarda l’idea di una “scuola domestica” e da organizzare in maniera tale da offrire a bambini e ragazzi al rientro un senso di accoglienza e di sicurezza genuino grazie anche l’utilizzo delle piante. “Lo sforzo che stiamo facendo è quello di evitare un’accoglienza militaresca e ospedaliera, che può rischiare di mettere paura e di creare situazioni di ansia, totalmente ostili ai processi di apprendimento, osservando comunque le imposizioni di prevenzione contagio”, specifica Weyland. 

Le variabili che la docente e il suo gruppo di ricerca stanno esplorando sono tre: il tema del comfort, per cui la scuola e le aule vengono considerate come ambienti “soggiorno” da riconfigurare con postazioni individuali e di piccoli gruppi a isole e riducendo al massimo il setting tradizionale delle batterie di banchi di fronte alla cattedra e alla lavagna; il tema dell’arte, invitando artisti locali a esporre quadri e opere d’arte nelle scuole, o incorniciando “ad arte” i disegni dei bambini per creare bellezza, senso di appartenenza e rapporto con il territorio e, infine, il tema della natura indoor. 

“Quello che vorremmo fare e che inizieremo a simulare nelle scuole Pestalozzi di Bolzano e nella scuola media di Vipiteno è l’inserimento di piante “avatar” a scuola, di cui ogni allievo sarà responsabile e che avrà modo di curare”, spiega Weyland, “queste piante offrono l’occasione di realizzare un distanziamento naturale e possono trasformarsi in strumenti di educazione alla cura e alla salvaguardia del nostro pianeta. Inoltre è stato provato scientificamente che la presenza di piante in un ambiente di apprendimento è benefica non solo per l’umidificazione e il ricambio dell’aria, ma anche perché favorisce l’attenzione e la concentrazione dei bambini”. 

La prima simulazione dell’allestimento post-covid delle aule e degli spazi comuni scolastici per mezzo di piante ornamentali si è tenuta stamattina alle scuole Pestalozzi in viale Europa a Bolzano.

(zil)

 
 
 
Einblicke in Nachhaltigkeitskonflikte im Operations Management
Einblicke in Nachhaltigkeitskonflikte im Operations Management
Free University of Bozen - Bolzano
 
Best Paper Award für den unibz-Forscher Philipp Sauer auf der Jahrestagung der EurOMA für seine Forschung im Bereich der Nachhaltigkeit von Elektroniklieferketten.
 
 
 
Dai semi della mela, un olio green e sostenibile per usi alimentari e cosmetici
Dai semi della mela, un olio green e sostenibile per usi alimentari e cosmetici
Free University of Bozen - Bolzano
 
I ricercatori del Food Technology Lab al NOI Techpark di Bolzano hanno sperimentato un nuovo metodo per valorizzare i semi delle mele: con la CO2 supercritica, senza l’uso di solventi.
 
 
 
Erfolgreiche Akkreditierung
Erfolgreiche Akkreditierung
Free University of Bozen - Bolzano
 
In regelmäßigen Abständen werden Italiens Universitäten „auf Herz und Nieren geprüft“. Die Gutachterkommission stellte der unibz bei ihrer Prüfung ein sehr zufriedenstellendes Zeugnis aus.
 
 
 
“True learning continues up to the point that action comes forth”
“True learning continues up to the point that action comes forth”
Free University of Bozen - Bolzano
 
Colin Stanley, former Master student of Computer Science and now Acting Dean at Namibia University-NUST, on his best memories of studying in Bolzano and his impressive career since then.
 
 
 
Grenze 1920 – 2020 Confine
Grenze 1920 – 2020 Confine
Free University of Bozen - Bolzano
 
Una collaborazione tra la Facoltà di Design e Arti e il Comune di San Candido ripercorre i 100 anni di storia del confine di Stato a Prato alla Drava.
 
 
 
Webinar sulla gestione sostenibile del rischio idro-geologico nelle vallate alpine
Webinar sulla gestione sostenibile del rischio idro-geologico nelle vallate alpine
Free University of Bozen - Bolzano
 
Ne parlerà domani sera Francesco Comiti, professore alla Facoltà di Scienze e Tecnologie unibz. Diretta su Microsoft Teams alle 20:30.
 
 
 
Europäische Promotionsnetzwerke an der unibz
Europäische Promotionsnetzwerke an der unibz
Free University of Bozen - Bolzano
 
Die europäischen Marie-Sklodowska-Curie-Maßnahmen setzen auf die Förderung von Jungforscher*innen: gleich zwei Projekte, an denen die Freie Universität Bozen Partner ist, wurden gefördert.
 
 
 
Johann Gamper e Alex Weissensteiner prorettori di unibz
Johann Gamper e Alex Weissensteiner prorettori di unibz
Free University of Bozen - Bolzano
 
A partire dal 1° ottobre 2020, Gamper e Weissensteiner coadiuveranno il rettore, prof. Paolo Lugli, al suo secondo mandato.
 
 
 
2020 IFERA’s best reviewer award to Ivan Miroshnychenko
2020 IFERA’s best reviewer award to Ivan Miroshnychenko
Free University of Bozen - Bolzano
 
The researcher at the Center for Family Business Management was one of the four winners during this year’s virtual conference of the renowned academic association.